Per un'affezione che i medici guariscono coi loro farmaci, costoro ne provocano dieci in soggetti sani, inoculando quell'agente patogeno mille volte più virulento di qualunque altro microbo: l'idea di essere malati.

Marcel Proust

Marcel Proust

Professione: Autore
Nazionalità: Francese

Suggerimenti per te :

In casa mia ci sono tutte le cose inutili. Non manca che il necessario: un grande squarcio di cielo come qui. Cercate di conservare sempre un brandello di cielo sulla vostra vita.

La costanza di un'abitudine è di solito proporzionale alla sua assurdità.

Molto spesso, per riuscire a scoprire che siamo innamorati, forse anche per diventarlo, bisogna che arrivi il giorno della separazione.

Tutti siamo costretti, per rendere sopportabile la realtà, a tenere viva in noi qualche piccola follia.

La gelosia è sovente solo un inquieto bisogno di tirannide applicato alle cose dell'amore.

I veri paradisi sono i paradisi perduti.

Il fascino di una donna è in genere direttamente proporzionale al suo passaggio.

A forza di credersi malato, lo si diventa.

Forse non ci sono giorni della nostra adolescenza vissuti con altrettanta pienezza di quelli che abbiamo creduto di trascorrere senza averli vissuti, quelli passati in compagnia del libro prediletto.

La medicina è un compendio degli errori successivi e contraddittori dei medici.

Noi diciamo la morte per semplificare, ma ce ne sono quasi quante le persone.

Per scrivere quel libro essenziale, l'unico libro vero, un grande scrittore non ha, nel senso comune della parola, da inventarlo, in quanto esiste già in ciascuno di noi, ma da tradurlo. Il dovere e il compito d'uno scrittore sono quelli d'un traduttore.

Le opere, come nei pozzi artesiani, salgono tanto più alte quanto più a fondo la sofferenza ha scavato il cuore.

Le teorie e le scuole, come i microbi e i globuli, si divorano tra loro e assicurano, con la loro lotta, la continuità della vita.