Per essere felici non ci si deve occupare troppo del prossimo.

Albert Camus

Albert Camus

Professione: Filosofo
Nazionalità: Francese

Suggerimenti per te :

La tentazione comune a tutte le intelligenze: il cinismo.

L'opera d'arte nasce dalla rinuncia dell'intelligenza a ragionare il concreto.

La donna, fuori dell'amore, è noiosa. Non sa. Bisogna vivere con una e tacere. O andare a letto con tutte e fare. Ciò che più importa è altrove.

Se la libertà è oggi umiliata o incatenata non è perché i suoi nemici hanno usato il tradimento, è perché i suoi amici hanno dato le dimissioni.

Un uomo, se posso credere a un mio amico, ha sempre due caratteri: il suo, e quello che sua moglie gli attribuisce.

Chiamo imbecille chi ha paura di godere.

Ogni vita volta verso il denaro è una morte. La rinascita è nel disinteresse.

C'è solo un modo per essere uguali agli dèi: basta essere crudeli come loro.

Tra me e me dicevo che anche la morte del corpo a giudicare da quello che avevo visto, era in sé una punizione sufficiente, assolveva tutto.

C'è sempre qualche ragione per l'uccisione d'un uomo. È invece impossibile giustificare che viva.

Solo una filosofia dell'eternità, nel mondo di oggi, potrebbe giustificare una nonviolenza.

Come rimedio alla vita di società suggerirei la grande città. Ai giorni nostri, è l'unico deserto alla portata dei nostri mezzi.

In primavera, Tipasa abitata dagli dei e gli dei parlano nel sole e nell'odore degli assenzi, nel mare corazzato d'argento, nel cielo d'un blu crudo, fra le rovine coperte di fiori e nelle grosse bolle di luce, fra i mucchi di pietre. In certe ore la campagna è nera di sole.

Essere privi di speranza non significa disperare.