L’irruzione della morte nella mia vita mi ha consentito di esprimere un po’ piú concretamente il disprezzo che provo per la falsa consolazione della religione e la fede.

Christopher Hitchens

Christopher Hitchens

Professione: Critico
Nazionalità: Britannico

Suggerimenti per te :

Noi atei non abbiamo bisogno di preti, né di gerarchie superiori che vigilino sulla nostra dottrina. Aborriamo i sacrifici e le cerimonie, come le reliquie e la venerazione di qualsiasi immagine o di qualsiasi oggetto.

È quasi tragicomico che solo la morte porti alle persone il riconoscimento che meritavano quando erano vive.

Il rimorso è il dolore per quello che uno ha fatto, mentre il rimpianto è il dolore per quello che uno non ha fatto.

Non è giusto condannare le persone per quella che è la loro natura: davvero Dio può aver creato così tanti omosessuali al solo scopo di tormentarli e distruggerli?

Si è condannati prima a vivere rivolti in avanti e poi a riflettere rivolti all’indietro.

Alla stupida domanda 'Perché io?', il cosmo neanche si degna si rispondere 'Perché no?'.

Dio non ha creato l’uomo a propria immagine. Palesemente, è stato l’inverso.

Quando i fatti cambiano, allora anche la mia opinione cambia.

Sono diventato giornalista perché non voglio che la mia fonte di informazione siano i giornali.

Dirò semplicemente che quelli che offrono false consolazioni sono falsi amici.

Si ha spesso la vaga illusione di prendere le proprie decisioni, ma è un’illusione che si accompagna alla consapevolezza che la maggior parte delle nostre scelte è fatta per noi da altri o dalle circostanze, o semplicemente si fa.

La Bibbia contiene giustificazioni per il traffico di esseri umani, per la pulizia etnica, per la schiavitú, per il prezzo della sposa, per il massacro indiscriminato, ma non siamo tenuti a nulla di ciò perché si tratta di pratiche di mammiferi umani rozzi e privi di cultura.

La fede religiosa è inestirpabile, perché siamo creature ancora in evoluzione.

Il paradiso è un posto di lodi e adorazioni infinite, abnegazione e rinuncia di sé sconfinate, una Corea del Nord celestiale.