Negli occhi porta la mia donna Amore, per che si fa gentil ciò ch'ella mira; ov'ella passa, ogn'om ver' lei si gira, e cui saluta fa tremar lo core, sì che, bassando il viso, tutto smore e d'ogni suo difecto allor sospira: fugge dinanzi a·llei Superbia e Ira.

Dante Alighieri