'N soriso pò cambiatte 'a vita.

Nun ho paura der nemico che m'attacca, ma der farso amico che m'abbraccia!

Nun te conviene fà 'a guerra co 'na donna, ce perdi e basta. Mejo facce l'amore.

Sò così, 'na ragazza ansia e sapone.

Se parli come magni allora me sa che nun chiuderai mai 'a bocca.

Ho sempre desiderato vestimme da eroe... ma i vestiti de mi padre me vanno larghi.

Amore, pe' er compleanno me basta solo er pensiero... però se me compri n'anello in Swarovski apprezzò o stesso!

Va dove te porta er liquore.

Cosa fai 'na vita? Me 'a complico.

Oh me raccomanno: arcol 'n bocca!

Alla donna nun je deve mai mancà er soriso.

Er punto è, che er soriso che m'hai tirato fori te, nun sapevo manco de aveccelo.

Nun c'è peggior sordo de mi nonna quando dico che sò sazio.

Giuro che domani te amo.

Nessuno me amerà mai come me ama er frigo mio, ogni vorta che lo apro se illumina.

L'amore è 'n apostrofo rosa tra "sei 'a mia vita" e "ora 'a vita ta torgo!"

Co 'a scusa de cormà er buco no stomaco, ora hai fatto er buco ner pavimento!

'E donne sò fatte pe' er 75% de scarpe.

Mejo soli che n'ansia pe un visualizzato senza risposta.

E donne se conquistano co 'a verità, i fiori lasciateli nei campi.

Esse felici vuol dì anche circondasse delle persone giuste.

A me già solo a sentì che il leone e 'a gazzella 'a mattina corrono me viè l'ansia.

Er mio gruppo sanguigno è a-peritivo.

E donne vanno trattate bene sennò se innamorano.

Dell'amore ho solo 'e manije.

Frittata de maccheroni, panino co 'a cotoletta mezzo cocomero, gelato e caffè... "in spiaggia ce se deve mantenè leggeri".

I veri amici nun aspettano che te succeda quarcosa de brutto pe statte vicino.

C'ho più ansia che sangue.

Ho letto che beve fa male, ho smesso de legge.

Pe dimagrì nun te devi fà a palestra... te devi fà smontà a cucina.

Bevo pè dimenticà damme coraggio.

Me se gonfia er petto d'orgojo quanno me dicono sei uguale a tu padre.

È difficile sentisse belle e magre. Pe tutto er resto c'è tu nonna.

'E mamme sò tutte belle, ma 'a mia è 'no spettacolo.

Te amo come er primo giorno... sì, in cella de isolamento!

Le bucie cianno 'e gambe corte.

Omo incazzito è un merlo ar vischio, la donna è un cacciator de schiopperéte che va a caccià cojoni senza fischio.

Chi ariccia appiccia.

Dentro 'a bbotte piccola ce sta l'aceto.

Rigala émmorto, Donato sta ppe' mmorì, Tranquillo se lo so' ngroppato e Pazienza sta ar gabbio.

A la fija de la vorpe nun je 's ensegna a tana.

Si nun sei re, nun fa' legge nova e lassa er monno come se trova.

Chi c'ha er pane, nun c'ha li denti e chi c'ha li denti nun c'ha er pane.

'Ndove nun c'è er guadambio, la remissione è ccerta.

O a Napoli 'n carozza o 'a macchia a fa' er carbone.

Donna che move l'anca, vacca o poco ce manca.

Non sputà in cèlo che te ricasca 'n bocca.

Quanno la bocca magna e er culo renne, in culo alle medicine e a chi le venne.

Le scoregge puzzeno de più.