Non è vero che la sofferenza nobilita il carattere; la felicità a volte lo fa, ma la sofferenza, il più delle volte, rende gli uomini meschini e vendicativi.

L'amore che dura di più è quello non corrisposto.

Vi sono tre regole fondamentali per scrivere un romanzo. Per sfortuna nessuno le conosce.

La perfezione ha un grave difetto: ha la tendenza ad essere noiosa.

Una donna può perdonare a un uomo il male che le fa, ma non gli perdonerà mai i sacrifici che fa per lei.

Nella vita le cose capitano a casaccio, e così devono capitare in un romanzo; esse non conducono ad alcuna crisi risolutiva - che è un oltraggio alla legge delle probabilità - continuano ad accadere e basta.

Quando il piacere ha esaurito l'uomo, questi è convinto di essere stato lui ad esaurirlo; allora ti racconta, serio e grave, che non vi è nulla che possa soddisfare il cuore umano.

La perfezione è una stupida inezia. Non è l'ultima delle ironie della vita che questa, alla quale tutti miriamo, è meglio che non venga raggiunta.

In vecchiaia ci si pente soprattutto dei peccati non commessi.

Oso dire che una persona trae più profitto dagli errori che compie da solo che dal fare la cosa giusta dietro consiglio di qualcun altro.

Un dio che può essere compreso non è un dio.

La generale idiozia dell'umanità è tale che si possono muovere gli uomini a furia di parole.

La bellezza è estasi, è semplice come il desiderio del cibo. Non si può dire altro sostanzialmente, è come il profumo di una rosa: lo puoi solo odorare.

La coscienza è la custode, nell'individuo, delle norme che la comunità ha messo a punto per la propria conservazione.

Il denaro è una specie di sesto senso senza il quale non si riesce a utilizzare completamente gli altri cinque.

Tutti possono dire la verità, ma solo pochi possono comporre epigrammi.

Per mangiar bene in Inghilterra dovresti fare colazione tre volte al giorno.

La vita ha questo di strano: che se non vuoi accettare altro che il meglio, molto spesso riesci a procurartelo.

La tragedia dell'amore è l'indifferenza.

Mi pare che tutti noi siamo come boccioli chiusi, e la più parte di ciò che leggiamo non ha su di noi alcun effetto, ma ci sono certe cose che hanno un particolare significato e che fanno aprire un petalo: poi i petali si aprono uno a uno e alla fine ecco il fiore.

Nessuno scrittore, per quanto violente siano le sue proteste, disdegna sul serio, se gli è chiesto, di leggere un libro ancora non pubblicato; si tratta del suo pupillo e possiede ancora quel fascino che, una volta arditamente stampato e rilegato, viene completamente distrutto.

La passione distrugge. Distrusse Antonio e Cleopatra, Tristano ed Isotta, Parnell e Kitty O' Shea. E se non distrugge, muore.

Chiunque può dire la verità, ma solo pochi di noi possono comporre epigrammi.

La passione non calcola mai il prezzo.

L'amore non è che uno sporco trucco ai nostri danni per assicurare la continuazione della specie.

La tendenza al mito è innata nella razza umana. È la protesta romantica contro la banalità della vita quotidiana.

La perfezione è ciò che le donne americane si aspettano di trovare nei loro mariti... ma le donne inglesi sperano solo di trovarla nei loro maggiordomi.

Nella vecchiaia ci si pente soprattutto dei peccati non commessi.

L'ipocrisia è un compito ventiquattr'ore su ventiquattro.

Non c'è egoismo così insopportabile quanto quello del cristiano riguardo alla sua anima.

Moltissima gente ha il furioso prurito di parlare di se stessa, e viene frenata solo dalla scarsa inclinazione degli altri ad ascoltare. La riservatezza è una qualità artificiale che in molti di noi si sviluppa come risultato di innumerevoli rifiuti.

Non serve piangere sul latte versato, perché tutte le forze dell'universo sono state inclini a versarlo.

Negli affari l'astuzia qualche volta riesce, ma in arte l'onestà è non solo la migliore, ma l'unica politica.

La tolleranza è un altro nome per l'indifferenza.

Gli ignoranti non possono non odiare, e temere insieme, coloro che si occupano delle cose ch'essi non capiscono.

È difficile essere allo stesso tempo uno scrittore e un gentiluomo.

La funzione precisa della donna è di propagare la specie. Se è saggia, sceglierà un uomo forte e robusto come padre dei suoi figli. Mi rifiuto di capire quelle donne che sposano un uomo intelligente. Cosa trovano in un tizio che sa fare degli astrusi calcoli matematici? Una donna ha bisogno di un uomo dalle braccia forti e dallo stomaco di struzzo.

L'arte è semplicemente un rifugio inventato da gente ingegnosa, che ha già a sufficienza cibo e donne, per sfuggire la noia della vita.

Gli ideali hanno molti nomi, e la bellezza è uno di quelli.

Ci sono due cose buone nella vita, la libertà di pensiero e libertà d'azione.

Ad Hollywood le donne sono tutte belle come le pesche, ma ogni tanto si può aver voglia di una mela.

L'uomo che muore per il suo paese muore perché questo gli piace, così come un altro mangia cetriolini sottaceto perché gli piacciono. Se gli uomini potessero preferire il dolore al piacere, la razza umana sarebbe spenta da un pezzo.

Non credo si possa volere troppa sincerità nella società. Sarebbe come una trave maestra di ferro in un castello di carte.

Il sentimentalismo è solo un sentimento che ti strofina contropelo.

L'artista ha bisogno di pace e di quiete. Come volete che conservi quel distacco di spirito che è indispensabile all'attività creativa, se non è possibile ottenere l'assoluta tranquillità?

Segui le tue inclinazioni ma facendo attenzione al poliziotto in fondo alla strada.

La pioggia cadeva nello stesso modo sul giusto e sul malvagio; e per nessuno esisteva un perché.

Si trae più profitto dagli errori che si fanno per conto proprio che dalle cose giuste fatte perché qualcun altro te le ha imposte.

L'unico punto in cui preti e filosofi concordano è nel dire che le caratteristiche dei sensi rappresentano la parte più bassa dell'uomo e che perciò debbono essere mortificati. Essi mettono l'intelletto su un piano nettamente superiore.