Rinunciando al mondo e alla fortuna, ho trovato la felicità, la quiete, la salute, persino la ricchezza; e a dispetto del proverbio, mi accorgo che chi abbandona la partita la vince.

I poveri sono i negri d'Europa.

Il matrimonio viene dopo l'amore, come il fumo dopo la fiamma.

Hanno detto che la caccia è immagine della guerra; e in effetti i contadini, i cui campi vengono devastati, devono senz'altro convenire sull'adeguatezza del confronto.

Per quanto male un uomo possa pensare delle donne, non c'è donna che non pensi ancor più male di lui.

Pochi i vizi che impediscono a un uomo di avere tanti amici quanto il possesso di troppe straordinarie qualità.

Solo l'inutilità del primo diluvio trattiene Dio dal mandarne un secondo.

Non concepisco saggezza senza diffidenza. La Scrittura ha detto che il principio della saggezza è stato il timore di Dio; io credo che sia il timore degli uomini.

L'orgoglio è altero, calmo, fiero, tranquillo, irremovibile; la vanità è vile, incerta, irrequieta, vacillante. L'uno ingrandisce l'uomo, l'altra lo gonfia. L'uno è la fonte di mille virtù, l'altra di quasi tutti i vizi e di tutte le insidie.

L'amore è come le epidemie: più uno le teme, più è esposto al contagio.

In tema di sentimenti, ciò che è valutabile non ha valore.

La speranza non è che un ciarlatano che c'inganna senza posa.

Tutte le passioni esagerano, e sono passioni appunto perché esagerano.

Il successo produce successo, come il denaro produce denaro.

La parola più ragionevole che sia stata detta sul celibato e sul matrimonio è questa: qualunque cosa farai, te ne pentirai.

L'uomo raggiunge da novizio la soglia di ogni età della vita.

Donne: o amarle, o conoscerle. Non c'è via di mezzo.

La falsa modestia è la più decente di tutte le menzogne.

Una maschera racconta molto più di un volto.

Per essere grandi nella letteratura, o per lo meno, per operarvi una rivoluzione sensibile, bisogna, come nella politica, trovare un ambiente già predisposto e nascere al momento giusto.

A mano a mano che la filosofia fa progressi, la stupidità raddoppia i propri sforzi per ricostituire il dominio dei pregiudizi.

Quando si vuol piacere nel mondo, bisogna risolversi a lasciarsi insegnare molte cose che si sanno da persone che le ignorano.

Ad alcuni uomini le illusioni sulle cose che stanno loro a cuore sono necessarie come la vita stessa.

Ci sono persone che hanno più roba da mangiare che appetito; per altre purtroppo, è vero il contrario.

Per meglio apprezzare l'amicizia bisogna aver provato l'amore.

Vivere è una malattia a cui il sonno viene una volta al giorno a recare un po' di sollievo. Questo però è solo un palliativo: il rimedio è la morte.

Sembra che nel cervello delle donne ci sia una rotella di meno, e nel loro cuore una fibra in più che negli uomini. Ci voleva una struttura particolare per renderle capaci di sopportare, curare, accarezzare dei bambini.

La filosofia, come la medicina, ammannisce molte droghe, pochissimi rimedi buoni, e quasi nessuno specifico.

La felicità è come gli orologi: i meno complicati sono quelli che si guastano meno.

Vi sono difetti che preservano da alcuni vizi più gravi, così come, in tempo di peste, i malati di febbre quartana si salvano dal contagio.

A nulla ci si abitua tanto presto che le cattive abitudini.

Non legarsi alla personalità di nessuno, essere uomo del proprio cuore, dei propri principi, dei propri sentimenti: questo è quanto ho visto di più raro.

Che cos'è un'amante? Una donna presso la quale ci dimentichiamo quel che si sa a memoria, come dire tutti i difetti del suo sesso.

Gli uomini si governano con la testa. Non si gioca a scacchi col buon cuore.

Bisogna scegliere tra amare le donne e conoscerle: non c'è via di mezzo.

In Francia si lascia in pace chi appicca il fuoco, e si persegue chi suona a martello.

In amore tutto è vero e tutto è falso; e questa è la sola cosa su cui non si possono dire delle assurdità.

Avete tre tipi di amici: quelli che vi amano, quelli che non vi danno la giusta attenzione e quelli che vi detestano.

Cos’è un'amante? Una donna, presso la quale ci si scorda di ciò che si sa a memoria, vale a dire di tutti i difetti del suo sesso.

La calunnia è una vespa che infastidisce e contro la quale non bisogna fare nessun movimento, meno di esser certi di ucciderla, altrimenti essa torna all'attacco più infuriata che mai.

Si crede comunemente che l'arte di piacere sia un grande mezzo di far fortuna: sapersi annoiare è un'arte che porta a ben maggiori successi.

Per vivere felici in questo mondo, ci sono degli aspetti della propria anima che devono essere completamente paralizzati.

Chi non ha vera grandezza d'animo non può avere bontà; può avere soltanto bonomia.

Che cosa può essere un fatuo senza la sua presunzione? Se togliete le ali a una farfalla, non resta che un verme.

La miglior filosofia consiste nel giudicare il mondo conciliando un gaio sarcasmo con un disprezzo indulgente.

Soltanto l'inutilità del primo diluvio trattiene Dio dal mandarne un secondo.

La più perduta di tutte le giornate è quella in cui non si è riso.

Domandavano a Fontenelle moribondo: 'Come va?'. - 'Non va, - rispose, - se ne va.'

Si può trovare una donna che non abbia avuto avventure galanti: è raro trovare quella che ne ha avuto una sola.