Il cuore è una ricchezza che non si vende, ma si regala.

Fra tutte le burrasche che investono l'amore, una richiesta di denaro è la più fredda e la più distruttiva.

Non c'è nulla di così umiliante come vedere gli sciocchi riuscire nelle imprese in cui noi siamo falliti.

Ottimista è chi dice: "Domani è domenica"; pessimista chi dice: "Dopodomani è lunedì".

La mente umana è paragonabile a una farfalla che assume il colore delle foglie sulle quali si posa. Si diventa ciò che si contempla.

Ciascuno mostra ciò che è, dagli amici che ha.

Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi, o, come gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.

Gli affetti profondi somigliano alle donne oneste. Hanno paura di essere scoperte e passano nella vita con gli occhi bassi.

I cuori delle donne sono come quei mobiletti col segreto, pieni di cassetti messi gli uni dentro gli altri; ci si arrabatta, ci si rompe le unghie e nel fondo si trova qualche fiore secco, qualche granello di polvere, o il vuoto!

L'artista deve fare in modo che la posterità creda ch'egli non abbia vissuto.

L'autore nella sua opera dovrebbe essere come Dio nell'universo, presente ovunque e visibile da nessuna parte.

La felicità è una menzogna, la cui ricerca è causa di tutti i malanni della vita. Ma ci sono calme serene che la imitano e forse la superano.

La vera generosità dispensa più aiuti che consigli.

Viso. -Specchio dell'anima-. Se è così, c'è gente che ha l'anima davvero brutta.

Ottimista: equivalente d'imbecille.

Estate. Un'estate è sempre eccezionale, sia essa calda o fredda, secca o umida.

Il rimpianto è un riconoscimento di qualche cosa di buono che c'è nella vita.

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! Voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata.

Per avere del talento, dobbiamo essere convinti di possederne.

Il fascino della storia, come quello del mare, risiede in ciò che cancella: l'onda che sopraggiunge fa sparire dalla sabbia la traccia della precedente.

Fate attenzione alla tristezza. È un vizio.

La folla immancabilmente segue l'andazzo. Sono sempre i pochi che aprono la strada al progresso.

L'estate è una stagione che si presta alla commedia. Perché? Non lo so. Ma lo è.

Noi non abbiamo forse valore se non per le nostre sofferenze. C'è tanta gente la cui gioia è così immonda, il cui ideale è così meschino, che noi dobbiamo benedire la nostra disgrazia se ci fa più degni.

Quello che davvero desidera una donna è trovare un uomo che le dimostri che i maschi non sono tutti uguali.

Se c'è sulla terra e fra tutti i nulla qualcosa da adorare, se esiste qualcosa di santo, di puro, di sublime, qualcosa che assecondi questo smisurato desiderio dell'infinito e del vago che chiamano anima, questa è l'arte.

La patria, probabilmente, è come la famiglia, se ne sente il suo valore solo quando la si perde.

Il successo è una conseguenza, non un obiettivo.

Esistono cammini senza viaggiatori. Ma vi sono ancor più viaggiatori che non hanno i loro sentieri.

La vanità è alla base di tutto, anche la coscienza non è altro che vanità interiore.

Chirurghi. Hanno il cuore duro: chiamarli macellai.

Le persone "con i piedi per terra" dicono che l'amore è una follia. In realtà ciò che accade è che la fantasia violentemente distorta da immagini piacevolissime, dove ogni passo ti avvicina alla felicità, viene crudamente riportata alla dura realtà.

Nessuno, mai, riesce a dare l'esatta misura di ciò che pensa, di ciò che soffre, della necessità che lo incalza, e la parola umana è spesso come un pentolino di latta su cui andiamo battendo melodie da far ballare gli orsi mentre vorremmo intenerire le stelle.

Il vero problema dello scrivere non è tanto di sapere ciò che dobbiamo mettere nella pagina, ma ciò che da questa dobbiamo togliere.

Denigrare coloro che amiamo equivale sempre a staccarcene un poco: non bisogna toccare gli idoli, se non si vuole che la doratura ci resti sulle mani.

Esiste della gente fortunata, fornita di doti eccezionali, di sensibilità e di immaginazione, che è sempre all'altezza delle circostanze, che piange sempre ai funerali, ride sempre ai matrimoni.

Una di quelle felicità complete che appartengono soltanto alle occupazioni mediocri, le quali divertono l'intelligenza con difficoltà facili a sormontarsi e la saziano in una realizzazione di là dalla quale non vi sono sogni.

L'imbecillità è una rocca inespugnabile: tutto quel che vi urta contro, si spezza.

Ginnastica. Non se ne fa mai troppa. Sfiniteci i bambini.

Quale che sia la censura, essa mi sembra una mostruosità, qualcosa di peggio dell'omicidio; l'attentato contro il pensiero è un crimine di lesa anima. La morte di Socrate pesa ancora sul genere umano.

Aspira all'amore come aspira all'acqua una carpa su un tavolo da cucina.

Mare. Non ha fondo. Immagine dell'infinito. Fa venire grandi pensieri. In riva al mare bisogna sempre avere un cannocchiale. Quando lo si guarda, dire sempre: -Quanta acqua!-.

I coniugi debbono vivere insieme per punizione di aver commesso la stupidaggine di essersi sposati.

Genio. Inutile ammirarlo, è una nevrosi.

L'artista deve essere nella sua opera come Dio nella creazione, invisibile e onnipotente, sì che lo si senta ovunque, ma non lo si veda mai. E poi l'arte deve innalzarsi al di sopra dei sentimenti personali e delle suscettibilità nervose. È ormai tempo di darle, mediante un metodo implacabile, la precisione delle scienze fisiche.

Quando si guarda la verità solo di profilo oppure di tre quarti la si vede sempre male. Sono pochi quelli che sanno guardarla in faccia.

L'amore è una pianta di primavera che profuma ogni cosa con la sua speranza, persino le rovine dove si aggrappa.

Ci si accontenta della mediocrità, come di un rifugio, quando si perde la speranza di realizzare la bellezza dei propri sogni.

La parola è una specie di laminatoio che affina i sentimenti.