Si può ben perdonare a un uomo di essere sciocco per un'ora, quando ci sono tanti che non smettono mai di esserlo nemmeno per un'ora in tutta la loro vita.

Fanno meno danno cento delinquenti che un cattivo giudice.

Anima a cui un dio carcere è stato, vene che han dato a quel fuoco alimento, midolla gloriosamente arse, il corpo lasceran, non il penare; saran cenere, ma con sentimento, saran polvere, ma polvere che ama.

Coloro che solo col cuore si amano solo col cuore si parlano.

L'amico deve essere come il sangue, che scorre verso la ferita senza sperare che lo chiamino.

Non è felice quello a cui la fortuna non può dare di più, ma quello al quale non può togliere nulla.

Il tanto diventa poco se si desidera ancora un po' di più.

Chi prova imbarazzo a rammaricarsi del passato, perde il presente e rischia l'avvenire.

La paura inizia ogni sapienza, e chi non ha paura, non può sapere.

Nessuno promette tanto come quello che non manterrà.

Il gusto di compiacere l'amico è un demonio tentatore.

Si deve sempre conservare il timore, ma non lo si deve mai mostrare.

La donna: se la baci ti impiastricci le labbra, se l'abbracci stringi tavolette e schiacci cartoni; se ci vai a dormire la metà la lasci sotto il letto nei tacchi; se la corteggi ti sfinisci; se poi la ottieni ti annoi, se la mantieni ti rovini; se la lasci ti perseguita; se l'ami ti lascia.

Il possesso della salute è come le finanze, che si godono spendendole, e se non si spendono non si godono.

Molti sono i buoni, se viene dato credito ai testimoni, pochi, se si prendono le dichiarazioni dettate dalla loro coscienza.

Non è saggio chi conosce dove si trova il tesoro, ma chi lavora per prenderlo.

Chiunque voglia da questa vita tutte le cose a proprio piacimento, avrà molte delusioni.

Il consiglio è buono; però credo che sia una delle medicine che costano meno e si gradiscono di meno.

L'ipocrisia esteriore, essendo un peccato della morale, è una grande virtù politica.

Cento delinquenti fanno meno male di un giudice cattivo.

La medicina è l'arte che insegna ad ammazzare.

Il ricco mangia, il povero si nutre.

L'architetto della rovina è l'arroganza, mette le fondamenta in alto e le tegole nelle fondamenta.

L'invidia è così magra e pallida perché morde e non mangia.

Non migliora affatto il proprio stato chi cambia solamente luogo e non vita e abitudini.

Per la nostra avidità il molto è poco; per la nostra necessità il poco è molto.

Colui che perde la reputazione per gli affari, perde affari e reputazione.

Non si deve mostrare la verità nuda, ma in camicia.

L'amore è fede e non scienza.

Dove c'è poca giustizia è un pericolo avere ragione.

L'animo che pensa a quello che può temere, comincia a temere quello che può pensare.

Ci sono libri brevi che, per essere compresi come si meritano, è necessaria una vita molto lunga.