Mi è sempre piaciuto il deserto. Ci si siede su una duna di sabbia. Non si vede nulla. Non si sente nulla. E tuttavia qualche cosa risplende nel silenzio.

Tutti i grandi sono stati bambini una volta. Ma pochi di essi se ne ricordano.

Tu, fino ad ora per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno uno dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo.

Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi.

Mi domando, - disse, - se le stelle sono illuminate perché ognuno possa un giorno trovare la sua.

La vita ci ha insegnato che amare non consiste nel guardarsi l'un l'altro, ma nel guardare insieme nella stessa direzione.

La filosofia è una battaglia contro l'inganno della nostra intelligenza per mezzo del significato del linguaggio.

L'apprendistato della preghiera è l'apprendistato del silenzio.

Ciò che rende bello il deserto è che da qualche parte vi è nascosto un pozzo.

Per ogni inizio c'è una fine, per ogni fine c'è un nuovo inizio.

Un mucchio di sassi smette di essere un mucchio di sassi nel momento in cui un singolo uomo lo contempla, portando con sé l’immagine di una cattedrale.

Gli adulti non capiscono mai niente da soli ed è una noia che i bambini siano sempre costretti a spiegar loro le cose.

Gli occhi sono ciechi. Bisogna cercare con il cuore.

Si vede bene solo con il cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi.

Chiunque ami soprattutto l'approccio nell'amore non conoscerà mai la gioia di raggiungerlo.

Trasporto della posta, trasporto della voce umana, trasporto di immagini tremolanti. In questo secolo, come in altri, i nostri più grandi progressi hanno sempre l'unico scopo di mettere gli uomini in contatto.

Se vuoi costruire una nave, non radunare uomini solo per raccogliere il legno e distribuire i compiti, ma insegna loro la nostalgia del mare ampio e infinito.

La notte rivela l'uomo.

Diffiderò dell'entusiasmo. Viene da una comune misura.

Devo pur sopportare qualche bruco se voglio conoscere le farfalle, sembra che siano così belle.

I bambini devono essere indulgenti coi grandi.

È il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante.

L'aeroplano ci ha svelato il vero volto della terra.

L'amata notte. La notte, quando le parole si dissolvono e le cose prendono vita. Quando l'analisi distruttiva del giorno è fatta, e tutto ciò che è veramente importante diventa tutto e ha di nuovo un significato. Quando l'uomo ricompone il suo sé frammentato e cresce con la calma di un albero.

Gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla. Comprano dai mercati le cose già fatte. Ma siccome non esistono mercati di amici, gli uomini non hanno più amici. Se tu vuoi un amico addomesticami.

Fai della tua vita un sogno, e di un sogno, una realtà.

Benché la vita umana non abbia prezzo, noi operiamo sempre come se qualcosa sorpassasse in valore la vita umana.

Non ereditiamo la terra dai nostri avi, ce la facciamo prestare dai nostri figli.

Amare è donare tutto se stesso senza nulla chiedere amare è non dire mai... mi devi.

Le stelle sono illuminate perché ognuno possa un giorno trovare la sua.

L'importante non è prevedere il futuro ma renderlo possibile.

Spero di non disturbare […] Era solo per dire buongiorno.

Tutti quanti abbiamo provato, ritrovando degli amici, l'incanto dei brutti ricordi.

Certo che ti farò del male. Certo che me ne farai. Certo che ce ne faremo. Ma questa è la condizione stessa dell'esistenza. Farsi primavera significa accettare il rischio dell'inverno. Farsi Presenza, significa accettare il rischio dell'Assenza.

I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta.

Amare non significa guardarsi negli occhi, ma guardare insieme verso la stessa meta.

La verità non è ciò che è dimostrabile, ma ciò che è ineluttabile.

Amare vuol dire soprattutto ascoltare in silenzio.

E mi piace la notte ascoltare le stelle...sono come cinquecento milioni di sonagli.

A me piacciono molto i tramonti. Andiamo a vedere un tramonto...

È molto più difficile giudicare se stessi che gli altri. Se riesci a giudicarti bene è segno che sei veramente un saggio.

Il mio disegno non era il disegno di un cappello. Era il disegno di un boa che digeriva un elefante. Affinché vedessero chiaramente che cos’era, disegnai l’interno del boa. Bisogna sempre spiegargliele le cose, ai grandi.

Che cosa m'importa che Dio non esista! Dio dà all'uomo della divinità.

Bisogna esigere da ciascuno quello che ciascuno può dare.

Il vero amore comincia quando non ci si aspetta nulla in cambio.

Mi domando se le stelle sono illuminate perché ognuno possa un giorno trovare la sua.

Conta solo il cammino, perché solo lui è duraturo e non lo scopo, che risulta essere soltanto l'illusione del viaggio.

Notte, l’amata. Notte, quando le parole svaniscono e le cose prendono vita. Quando la distruttiva analisi del giorno è conclusa e quanto è veramente importante diviene nuovamente intero e risuona. Quando l’uomo ricuce il suo Sé frammentato e cresce con la calma dell’albero.

Quando ti sarai consolato (ci si consola sempre), sarai contento di avermi conosciuto. Sarai sempre il mio amico. Avrai voglia di ridere con me.